Bologna Destination of the Month | March 2010

The city of Bologna, the capital city of the Emilia-Romagna region in northern Italy, may as well be considered as a secondary tourist destination in Italy if compared to Rome, Florence and Venice. Yet, Bologna is a truly magical city emanating a unique atmosphere with its plentiful arcades, charming squares, quaint churches and indeed because there are not masses of tourists all around.

A cultural center since medieval times – the oldest existing University in the Western World was established here in 1088 – Bologna is also famous in Italy for its excellent culinary tradition: Bolognese sauce (ragù) and Bologna sausage, or Boloney (mortadella), are just two world-famous examples of its legacy. In the streets of Bologna you will find ubiquitous food shops displaying aromatic cheeses, mortadella, prized Parma hams and dozens of handmade types of pasta. Other stores sell local products of Emilia-Romagna such as grappa and Modena’s prestigious balsamic vinegar.

Bologna’s city centre is quintessentially medieval, a delightful mix of red brick, tiled roofs and balconies spreading out from the great central square of Piazza Maggiore. Just walking through these streets makes it for a wonderful experience. Of the 20 medieval towers that survive today, the Two Towers, Torre degli Asinelli and the Torre Garisenda (both leaning just like the one in Pisa) are Bologna’s most famous.

But when you are done with your walk to digest your rich Bolognese treat, we suggest you visit one of Bologna’s great museums, the Pinacoteca Nazionale di Bologna (Bologna’s National Gallery). The works here trace the region’s art history from the XIII to the XIX century. You can admire paintings of Raffaello, Carracci, Reni and other personalities connected to Bologna.

Pinacoteca Nazionale di Bologna

Via Belli Arti 56

Tel: 05142 09411.

Website: www.pinacotecabologna.it

Monday closed

READ ALSO

Bologna, Part II: a Contribution by a Travelogue Reader



4 Responses to “Bologna Destination of the Month | March 2010”

  1. Roero BRUSORI says:

    Hallo,
    sono un Travel Agent nato e cresciuto a Bologna. Ora vivo in provincia di Parma, altra bellissima città dell’Emilia, dove conduco un’Agenzia Viaggi, che si occupa anche di turismo incoming nelle nostre bellissime province dell’Emilia Romagna. Debbo aggioungere a quanto detto da Voi su Bologna, la mia città d’origine, che questa città rappresenta una delle massime testimonianze sì della città Medioevale, ma cnhe di quella rinascimentale e poi barocca, ma anche di quella precedente di epoca romana, essedno già fin da allora il crocevia più importante dell’importante Via consolare Emilia, con le altre che conducevano a Roma, così come oggi lo è come importante nodo autostradale e ferroviario tra il Nord ed il Sud della pensiola italiana.

    I bellissimi palazzi dell’epoca medioevale, rinascimentale e poi barocca sno sparsi in tutto il centro storico. Ricordiamo anche le importanti Gallerie Comunali, altra fonte di incontro con i capolavori della Scuola bolognese, soprattutto del 600. Ma anche il Museo Egizio, uno dei più importanti in Italia e quello Civico, con importanti reperti dell’epoca romana e Medioevale. Inoltre il Museo Privato della Tappezzeria, il Teatro Comunale , capolavoro dell’epoca barocca dei Fratelli Bibiena e tutte le Chiese, testimonianza del periodo di dominazione del Papato sulla città, come la bellissima Basilica di San Domenico, con l’Arca Rinascimentale, opera unica Nicolò dell’Arca, a cui ha collaborato parzialmente anche Michelangelo giovane. Insieme all’altra Antica Basilica Gotica di S.Francesco mostra anche le Arche esterne, sepolcri dei glossatori, primi lettori ed insegnanti delle glosse di diritto romano,presso l’Alma Mater o Studio, come veniva chiamata la più antica e stimata Università d’Europa, la cui prima sede è stato il Palazzo dell’Archiginnasio,nel pieno centro cittadino, sovrastante il Loggiato o Portico detto del Pavaglione, che fiancheggia la Piazza Maggiore, un iniseme architettonico unico, arricchito al centro dall’inconfondibile sagoma dell’incompiuta Basilica di S.Petronio, protettore della città. Essa doveva, nelle intenzioni dei governanti d’allora divenire la più grande chiesa della Cristianità, ma rivaleggiando con S. Pietro a Roma, fu lasciata senza fondi dai Papi. L’antica istituzione dello Studio ha meritato alla città il titolo di “Dotta”, che significa COLTA, affiancata all’altra donominazione di “Grassa”, dovuta alla sua succulenta e ricchissima tradizione culinaria,già iniziata nel periodo medioevale e Rinascimentale,ricca di specialità gustosissime ormai diffuse e copiate in tutto il mondo, ma difficlmente eguagliate.

    I primi piatti spaziano dalle famose Lasagne verdi e bianche, in tutte le loro diverse varianti e versioni, alle famose tagliatelle di pasta fresca al ragù, ma soprattutto il capolavoro degli ineguagliati tortellini,iispirati all’ombelico femminile, sia serviti nel tradizionale brodo ristretto di cappone, sia asciutti al ragù con salsa besciamella oppure alla panna fresca, serviti anche in città come “pasticciati”, oppure farciti in crosta con animelle e tartufi. Inoltre i secondi piatti spaziano dai fritti misti alle cotolette farcite alla petroniana, ai bolliti misti, ai sughi Ma i piatti tradizionali e famosi, da provare in una delle bellissime vecchie trattorie od osterie tadizionali del cetnro storico, oppure nei moderni stellati ristoranti che la città offre, sono tanti ed ognuno giustificherebbe da solo il soggiorno. Da notare canche la possibilità di abbinare la degustazione dei cibi a quella dei numerosi vini del territorio, bianchi o rossi, tutti alla pari gradevoli, giovani, freschi e frizzanti, che valorizzano pienamente il sapore pieno e gustoso delle specialità culinarie.

    Insomma Bologna è una città da vedere e godere visivamente, ma soprattutto da vivere e “gustare”, come poche altre al mondo. Buon viaggio e buon appetito!!!

  2. admin says:

    Caro Roero,
    ti ringraziamo tantissimo per l’appassionata descrizione di Bologna. Purtroppo ci vorrebbe un blog solo per Bologna o per quasi tutte le citta’ con una storia
    come la sua! Se non le dispiace, vorremmo tradurre in inglese il suo bellissimo commento e incorporarlo nel post di Bologna. Spero che non abbia nulla in contrario e la ringrazio nuovamente per averci letto e reso piu’ interessante il nostro blog!

  3. Venzia Italy is such a nice place to see. I liked reading your writing , wonderful post. The spirit of the Italians shines through in this wonderful city.

  4. Perotti says:

    Bel post, è vero, ci vorrebbero post per ogni città italiana. Questo post mi stimola a farmi un bel viaggio in auto per visitare la città!

Leave a Reply